Un crowdfunding per Stoner!

LA PRIMA CAMPAGNA INTERNAZIONALE DI CROWDFUNDING SU STONER DI JOHN WILLIAMS. Dal 15 giugno on line su https://www.crowdarts.eu fino al 30 luglio 2016

Ti sei emozionato leggendo Stoner? Sette artisti contemporanei fanno vivere i personaggi, le storie e le atmosfere del romanzo in una mostra da sfogliare!
Il crowdfunding (dall’inglese crowd, folla e funding, finanziamento) è una pratica di microfinanziamento innovativo che nasce ‘dal basso’ e mobilita persone e risorse. Molto diffusa all’estero, sta prendendo piede anche in Italia per sostenere quelle iniziative che aggregano intorno a sé una comunità.

Stoner di John Williams è un caso letterario che ha appassionato migliaia di lettori nel mondo. La biografia di un anonimo professore universitario che a cavallo tra la prima e la seconda guerra mondiale affronta i drammi e le passione di una vita ‘normale’.

È un libro che racconta lo scorrere del tempo come un insieme di episodi epici nella banale naturalezza del loro evolversi.

Nel corso del 2013 il romanzo di John Williams è diventato un bestseller in Italia, Inghilterra, Olanda, Francia, Spagna, Israele e poi negli Stati Uniti; definito sul New York Times da Morris Dickstein “Il romanzo perfetto”, oggi è considerato un classico, l’altro filone letterario americano che si contrappone al genere del ‘grande Gatsby’.

Stoner è il compendio della vita di tutti, ti trascina dentro le sue pagine perché racconta forza e debolezze di ciascuno di noi, ti attorciglia le budella perché è anche, un po’, la nostra biografia.

Per questa ragione il romanzo ha una community fortissima in tutto il mondo che, attraverso il crowdfunding, può diventare co-produttore della mostra. In questo sta la forza del progetto: la volontà di creare un’esposizione  ‘emotiva’, intimistica ed immersiva dentro le pagine del romanzo, di dare forma a un sentire condiviso non solo dai curatori e dagli artisti ma anche dal pubblico di Stoner.

La mostra avrà la sua prima nazionale al #FLA Pescara Festival (dal 10 al 13 novembre 2016) inaugurando proprio negli stessi giorni della kermesse letteraria.

Gli artisti coinvolti hanno lavorato ciascuno con il proprio linguaggio – scultura, fotografia, installazione, video – interpretando i protagonisti del romanzo e dando vita a un allestimento che è una vera e propria impaginazione.

STONER. Landing pages sarà una mostra da sfogliare.

 

 

Mauro Fiorese alias Gordon Finch, Temporary Goodbye, dittico n°1 a da Libra in Cancer, 50x50 cm, stampa ai pigmenti, 2015 - Copia

particolare dell’opera di Mauro Fiorese

Mauro Fiorese – uno dei cento fotografi più quotati al mondo – espone per la prima volta dodici dittici tratti da www.libraincancer.it il blog in cui racconta la sua personale battaglia contro il cancro. Tenendo fede all’impostazione letteraria dell’esposizione, le sue coppie sono composte da un’immagine testuale che dialoga con la fotografia affiancata. In mostra interpreta Gordon Finch, l’amico fraterno di Stoner e filtra attraverso i suoi occhi – e quindi attraverso il grande tema dell’amicizia – la vita del protagonista.

Roberta Montaruli alias, K.D., video animazione, 2016, 5' - Copia

frame del video animazione di Roberta Montaruli

Roberta Montaruli è Katherine, l’amante di Stoner. L’artista torinese racconta la loro storia d’amore in un video di animazione in cui – mancando la presenza antropica – sono gli oggetti a narrare le loro vite fatte di respiri e sospiri, gioie e dolori, fatica e tensione verso la felicità.

Stefano Lanzardo alias Stoner

particolare dell’opera di Stefano Lanzardo

Stefano Lanzardo è Stoner. Con quattro scatti fotografici sono descritti altrettanti momenti simbolo dell’esistenza del protagonista dalla terra che lo ha generato e alla quale torna, ai corridoi dell’università in cui passeggia come un fantasma, allo studio di casa dove poteva dedicarsi alle amate letture fino alla  relazione con le donne del romanzo.

Eleonora Roaro ha realizzato per la mostra una video installazione su Edith, la moglie di Stoner in cui porta alla luce tutte le fobie del personaggio, una donna distante, anaffettiva che non si fa ‘toccare’ in tutti i sensi.

Giuliano Tomaino alias padre di Stoner, installazione, 2016 - Copia

particolare dell’opera di Giuliano Tomaino

Giuliano Tomaino – l’artista che tutti hanno potuto vedere con le sue sculture nel decumano di Expo 2015 – interpreta il padre di Stoner attraverso una cruda installazione che ferma il momento della sua morte – assurgendo a simbolo della fine di ciascuno di noi – proseguendo così la serie dei Santi che porta avanti dagli anni Novanta.

Zino, Sono Lomax, stampa digitale su tessuto sintetico, 150x150 cm, 2016

particolare dell’opera di Zino

Zino – noto per le sue opere realizzate con i lego e la realtà aumentata – qui interpreta l’antagonista di Stoner e lo immortala nel momento in cui fa la sua prima apparizione nel romanzo: fisicamente menomato aveva un viso da attore del cinema sul quale l’artista ha riportato – con la ASCII art  –  le frasi della sua presentazione all’interno del testo. Tra le righe una frase metalinguistica che Zino rivolge al suo pubblico “Stoner è un libro del cazzo”, dando forma a quello che sarebbe stato il pensiero di Lomax nei confronti del romanzo stesso.
invito_210x100_05_19_2016

 

CREDITS

 

Titolo della mostra STONER. Landing Pages

Progetto a cura di Cinzia Compalati e Andrea Zanetti

con gli artisti

Mauro Fiorese – Finch    www.maurofiorese.com  www.libraincancer.it

Roberta Montaruli – Katherine www.robertamontaruli.it

Stefano Lanzardo – Stoner    www.stefanolanzardo.com

Eleonora Roaro – Edith  www.eleonoraroaro.com

Giuliano Tomaino – padre di Stoner www.giulianotomaino.it

Zino – Lomax  www.zino.cloud

 

Installazione musicale di Jacopo Simoncini http://www.accademiabianchi.it/jacopo-simoncini

 

 

 

 

 

Advertisements

#community al CAMeC di La Spezia!

La storia di #community prosegue!

Il gruppo di artisti che ha animato il festival Pop Up Lab, interrogandosi sul significato della parola comunità, è approdato al CAMeC di La Spezia; fino al 5 giugno 2016. Di seguito il testo critico di Cinzia Compalati che ha curato la mostra assieme ad Andrea Zanetti.

 

“Quale valore semantico si può dare oggi alla parola comunità? Quale ruolo ricopre nella società del secondo millennio?

Se l’attuale crisi economico-finanziaria ha un inizio ben individuabile tra la fine del 2007 e il 2008, quella dell’individuo contemporaneo si trascina attraverso tutto il secolo breve e si incancrenisce proprio in quegli opulenti anni Ottanta in cui l’orgia dei consumi compensa mancanze interiori.

La precarietà – da condizione lavorativa – è diventata status esistenziale, specchio di una società atomizzata in cui una moltitudine di singoli è alle prese con l’arduo compito di trovare soluzioni individuali a problemi generati a livello sociale. Forse è l’apatia la condizione dell’essere oggi? All’incertezza si dovrebbe rispondere con l’etica, con comportamenti deontologici che dal positivo esito su se stessi conducono a un altrettanto benefico benessere diffuso.

 

A queste urgenze hanno risposto tredici artisti chiamati a constatare l’avvenuta morte della comunità o il ritorno della speranza in un progetto espositivo dal profondo coinvolgimento emotivo.

Community Camec cat 060

È con il simbolo di Carrara – Tutto ciò che ruota di Francesco Ricci – che, in omaggio al partenariato stretto con il Comune e il gruppo di artisti di #community, la mostra apre le sue riflessioni: non più nello stemma cittadino ma sul pneumatico di una gru, proprio quel gigante che ogni giorno scarnifica le montagne con il suo marmo, stars and dust, stelle e polvere, ricchezza e povertà.

Community Camec cat 048

La visita prosegue su una piazza, uno spazio reale che accoglie l’installazione collettiva del gruppo, abitudine artistica che ha contraddistinto tutte le tappe di #community, giunta qui al Centro alla sua sesta edizione. Fermata CAMeC è un’esperienza, uno spazio sospeso, il luogo dell’attesa: seduti su una panchina ad aspettare l’autobus, in questo tempo ‘inerte’, la mente è libera di concedersi ogni pensiero o di svuotarsi. Di fronte a noi pannelli pubblicitari ospitano tredici manifesti da affissione che, infischiandosene di ogni logica commerciale, sono pezzi unici che reclamizzano i ‘bisogni’ della comunità.

Community Camec cat 053

Sulla stessa piazza passeggia una famiglia contemporanea – Domenica mattina di Stefano Lanzardo – assorta nei propri pensieri: il padre è un bozzolo chiuso in se stesso, la madre – icona di vanità – guarda altrove e il bimbo dialoga con il suo gioco. Solo una ragazzina – che li osserva con aria interrogativa – pare l’anima senziente e viva della scena.

Community Camec cat 037

Su questa che vuole essere una piazza ‘ordinaria’ si affacciano palazzi – brandelli di città disegnati su lacerti di carta, Se fossi più alta #2 di Roberta Montaruli – così reali, appesi, dalla parte esterna del vetro della cornice. Città in cui manca la presenza antropica, agglomerati urbani che ci invitano a ‘guardare più in alto’, oltre, sopra, con uno spirito e una levatura morale rinnovati.

Community Camec cat 033

Incamminandoci Sulla strada – di Sabina Feroci – ci immergiamo tra la folla; sguardi, mani, comportamenti, relazioni ‘assenti’ ci dicono di primo acchito che non si tratta di una comunità ma di una moltitudine di individui che vivono in modo autoreferenziale la propria esistenza.

Community Camec cat 047

Di fronte a loro passa l’autobus – Umanità in viaggio di Lorenzo Devoti, un progetto fotografico realizzato sui mezzi di trasporto – e ci interroghiamo sul tema della coppia – sia essa di amici, coniugi, amanti, perfetti sconosciuti – sui rapporti a due, relazioni binarie, talvolta aperte e talvolta chiuse.

Community Camec cat 043

A Carolina Barbieri invece, la più giovane del gruppo #community, è stato chiesto di dare una chiave di lettura al futuro dei suoi coetanei, e quindi anche al suo. Nell’opera inedita presentata qui al CAMeC – Aggregazioni (miraggio) – volti vuoti nel vuoto, tenuti insieme da un file rouge – il destino comune – sono i giovani ingabbiati in una prigione senza sbarre dalla quale non si può evadere.

Community Camec cat 030

Ancora nella stessa sala, Simone Conti con Negative Portraits indaga – con le lastre di un banco ottico e l’app di uno smartphone – proprio la spaccatura interiore di ciascuno di noi, al contempo positivi e negativi, a colori e in bianco/nero, in una radiografia all’anima che non lascia scampo al cancro dell’esistenza.

Community Camec cat 006

È a questo punto che qualcuno ci tocca alle spalle, ci stringe con fare paterno dicendoci Ti ho visto nascere. Quell’amorevole constatazione si tinge di un amaro risvolto nella nassa di Francesco Siani; specchiandoci al suo interno capiamo che neanche noi siamo riusciti a sfuggire alle consuetudini ma anche alle costrizioni che la società, proteggendoci, ci impone.

Community Camec cat 005

Proprio di fronte, Mr W di Stefano Siani racconta un’esistenza, quella di ognuno di noi dalla nascita, attraverso le difficoltà, il lavoro, l’amore, fino alla piena realizzazione di sé. Lo fa con un tocco di poesia – dando vita con pochi tratti essenziali a Mr W – e un raffinato senso estetico inscenando i suoi scatti fotografici su porzioni di muro – accuratamente selezionati – che diventano elementi compositivi e narrativi del racconto.

Community Camec cat 001

Entrelazos di Lorena Huertas ci insinua un forte senso di disagio: una porta ‘vista muro’ è imbrigliata dentro una matassa di sanguinolenti fili rossi. È la costrizione di una comunità asfittica il messaggio dell’artista colombiana?

Community Camec cat 016

 

Duro e ironico nei confronti società contemporanea è anche Zino – con Holy Writs – attraverso un tema quanto mai attuale: Bibbia e Corano si sgretolano – e le parti che cadono vanno a costruire un muro – mentre di fronte, su un inginocchiatoio, troneggia un catalogo IKEA, ‘il vangelo’ del nuovo millennio.

Community Camec cat 020

Enrica Pizzicori allenta le tensioni e Fa Volare con un accrochage di illustrazioni che rappresentano il momento intimo e di raccoglimento della mostra. Ciascun pezzo – abbinato a una canzone – ci regala privati minuti di ascolto, non solo musicale, ma interiore.

Community Camec cat 025

In chiusura – o in apertura, essendo #community  una mostra palindroma – Il sabato del villaggio di Cristina Balsotti dà voce alla comunità degli artisti – ciascuna sedia rappresenta uno di loro – e ci congeda con un ‘limbico’ senso di attesa e sospensione, partenza e ritorno, che ben si adatta al continuo movimento di costruzione e distruzione, di pars destruens e pars construens del  congetturare di questo progetto.

 

#community si riconferma così un cantiere artistico mai insonne, un gruppo di lavoro coeso e ben corroborato, che sa progettare insieme e trova, proprio in questi momenti di incontro e lavoro partecipato, spunto di speranza. Il rispetto, la condivisione e il riconoscimento attivano un virtuoso circuito di creatività e contaminazione che è spunto di energia vitale e artistica. Oggi viene detta ‘rete’, qualche anno fa si sarebbe chiamata ‘comunità’ ma che l’unione faccia la forza resta una verità sempre attuale”

Cinzia Compalati

 

Community Camec cat 070

 

Community Camec cat 066

 

Community Camec cat 062

 

(fotografie di Stefano Lanzardo)